Pizza senza glutine: i vincitori del Mondiale

  • -
Giuria 2017 del Campionato Mondiale di Pizza Senza Glutine

LA GIURIA (da sx) Manila Benedetto, Alfonso del Forno, Francesca Lagonia, Simonetta Nepi e la sottoscritta (metà!)

Ne abbiamo davvero viste delle belle (e assaggiate delle buone!) nella categoria pizza senza glutine del Campionato mondiale della pizza, giunto alla 22esima edizione.

Pizza senza glutine

I miei complimenti vanno a tutti i partecipanti che hanno fatto i conti egregiamente con materie prime che hanno specifiche esigenze di lavorazione. Manipolare farine prive di glutine, infatti, comporta alcune scelte di ingredienti e lavorazione, volte a sopperire all’assenza delle caratteristiche proprie del glutine. Si parla per esempio di farine che non sostengono facilmente lunghe lievitazione e di impasti da stendere con particolare manualità (mancando l’elasticità della maglia glutinica).

Prima ancora, a monte, la scelta da fare è stata se affidarsi a miscele che esistono in commercio oppure se creare la propria miscela lavorando ingredienti naturalmente privi di glutine. Poi, cosa fare: presentare la classica margherita (un must intramontabile), optare per condimenti accattivanti (come il salmone affumicato) o addiritura osare? Non è stato facile decretare la migliore pizza tra le 68 in concorso.

A decretare le migliori pizze partecipanti, oltre a me sono stati Alfonso Del Forno, Manila Benedetto, Francesca Lagonia e Simonetta Nepi, preziosi compagni di questo viaggio durato 18 ore di assaggi e schede da compilare. Insieme a me, hanno voluto lasciare un loro commento-video a caldo all’alba del secondo giorno di selezioni.

Pizza senza glutine: i vincitori del Mondiale

Al primo posto si è classificato Federico De Silvestri, con la sua pizza farcita con vellutata di piselli, Mozzarella di Bufala Campana schiacciata, bresaola, Parmigiano Reggiano di Vacca Rossa, noci e perle di aceto balsamico (sotto).

 

Al secondo posto si è classificato Domenico Vassallo, con la sua Pizza farcita con fette di pomodoro San Marzano, alici di menaica, origano, timo e olio extravergine di oliva (sotto).

Terzo posto per Elio Corsi,invece, con la sua Pizza farcita con crema di topinambur, zucchine a julienne, straccetti di carne di agnello, misticanza, tartufo nero e pecorino stagionato 36 mesi (sotto).

Prendere parte alla giuria del Campionato mondiale di pizza senza glutine è stato per me un onore, per il quale ringrazio l’organizzazione Pizza e Pasta italiana. Sono molto lieta di aver potuto assaggiare il frutto della ricerca di così tanti professionisti del mondo della pizza, che hanno messo con successo le parole “senza glutine” all’interno della loro attività quotidiana. Sono felice di testimoniare che nel mondo dei pizzaioli vi è un’attenzione degna di nota nei confronti sia del celiaco sia della materia prima.

Appuntamento al prossimo anno per un’edizione che, ci dicono, saprà riservare ai partecipanti belle sosprese!