Innamorarsi in un bicchiere

  • -

Casa vinicola FazioAccade di sentir dire “Buono questo vino! Non ch’io me ne intenda, però a me piace”. I non espertisono spesso reticenti a sbilanciarsi sulla qualità di un vino e sui fantomatici sentori. Sommelier, enologi e produttori vitivinicoli hanno tanto da raccontare di ogni bicchiere, ma il consumatore possiede il senso del gusto e il carattere necessari a non soccombere a questo fiume di esperienza. Ci spiega Bruno Alvisini, direttore generale della cantina Fazio: “Non c’è intenditore di vino migliore di chi lo beve, lo apprezza e desidera raccontare quel momento”. Già, perché un vino che emoziona e coinvolge ha in sé tutto il senso di questa bevanda, così conviviale.

Il Müller Thurgau è un vitigno internazionale. “Un vino di mondo”, come si dice di chi trova un possibile habitat in diversi luoghi. La Casa Vinicola Fazio lo coltiva in Sicilia, una novità assoluta per un vitigno che ama svilupparsi in zone meno calde. Eppure, in una decina di ettari di vigneto in provincia di Trapani, a circa 600 metri s.l.m., dove l’aria circola e rinfresca, il Müller ha trovato modo unico di esprimersi. Dietro a un giallo tenue, con riflessi verdolini, si cela un vino che porta alla massima esaltazione le caratteristiche classiche del Müller. Il profumo diventa ampio ma ben opportuno e onesto, gestibile dall’olfatto, che non sovrasta e si espone pian piano; in bocca, il gusto è presto elegante e si scioglie in un animo elegante e morbido, delicato ma di carattere, che si racconta suntuoso e persistente. Mediterraneo, familiare, eppure così distinto e raffinato. Che sia questo il concetto di “amabile” che altri sanno raccontare?