Gluten free ma non solo

  • -

Si è da poco conclusa l’edizione 2015 di Tuttofood, la fiera biennale che quest’anno si è svolta in concomitanza con l’avvio di EXPO a Milano.

Quello dell’Ho.Re.Ca. si conferma un padiglione di forte interesse per i visitatori, anche grazie alla spettacolarità degli eventi e delle dimostrazioni. Positivi riscontri per il padiglione Dolciario e per quello Lattiero Caseario e Carni e Salumi, e importanti novità per il Multiprodotto, oggetto quest’anno di grande attenzione da parte del pubblico. 

Tuttofood senza glutine

All’interno, infatti, ampio spazio è stato riservato al senza glutine e al vivere green che incontra il buon cibo, confermando il ruolo di eccellenza dell’Italia in ambito agroalimentare e sottolineando l’affermarsi di nuovi stili di consumo. Le aziende presenti hanno mostrato che il senza glutine è una realtà consistente del mercato alimentare, alla quale si affiancano ormai con forza prodotti per intolleranza al lattosio, referenze a basso indice glicemico e alimenti per consumatori vegetariani e vegani.

I valori chiave che si accostano ad Agroalimentare paiono quindi essere Benessere e Salute, e coinvolgono tutti coloro che per necessità od opportunità scelgono di fare della propria alimentazione un’occasione di salute. Affermati e autorevoli gli interpreti di queste correnti, solo per dirne alcuni: la World Gluten Free Chef Academy, incaricata da Fiera Milano di gestire l’area academy multiprodotto, con show cooking e dimostrazioni gluten free, per intolleranze e vegan, l’Associazione Italiana Celiachia, da sempre punto di riferimento dei celiaci, e la fiera internazionale Gluten Free Expo, presente con una collettiva di aziende che saranno protagoniste dell’edizione riminese 2015. Tra gli eventi, è spiccata l’edizione Universale del Campionato del gluten free, la risposta fuori casa a queste esigenze alimentari, vinta da Beatrice Pozzi, che ha proposto Crumble pie con fragoline di bosco e salsa alla vaniglia, vegan e senza glutine, e Focaccine colorate alle zucchine, prive di glutine e ricche di fibre. La trentatreenne milanese si unisce a Elisa Piccioli, vincitrice dell’edizione mondiale del concorso, e ricorda che per distinguersi nella ristorazione occorre pensare con creatività e lungimiranza.

Tuttofood 2015 si dimostra ancora una volta specchio del mercato attuale e spinge alla riflessione: è davvero solo per dovere etico che ci si deve occupare di senza glutine, intolleranze e veganismo, oppure è più realistico parlare di opportunità?