Esperienza Abruzzo. I blogger imparano come raccontare il territorio.

  • -

Let's blog AbruzzoLet’s Blog Abruzzo è una manifestazione nata per trasmettere ai partecipanti le competenze necessarie alla creazione e all’ottimizzazione di un blog. Ma è molto di più, perché testimonia che l’Abruzzo affianca al valore della tradizione i linguaggi più moderni. A Santo Stefano di Sessanio (AQ) si è parlato di come creare un post attraente, di come indicizzare il proprio blog e da dove trarre l’ispirazione per i propri contenuti. Nei tre giorni di workshop sul blogging, ricchi di interventi e contributi, queste domande hanno trovato risposta grazie all’esperienza dei diversi speaker di fama internazionale che hanno aderito all’iniziativa.
L’evento, fortemente voluto dalle blogger Sam Dunham ed Helen Free da sempre innamorate dell’Abruzzo, ha trovato in questa regione il sostegno di Cantina Tollo, attenta alla conservazione del territorio e allo sviluppo delle sue potenzialità. Come ci spiega Luana Di Lorito, responsabile marketing e comunicazione di Cantina Tollo: “Il blog è un nuovo strumento di comunicazione in cui le aziende devono credere e investire. Crediamo che i racconti dei blogger che provano un prodotto e vivono il territorio in cui nasce siano la comunicazione più autentica”.
La manifestazione testimonia che l’azienda preferisce evitare l’autoreferenzialità, lasciando che siano i prodotti a raccontarsi e a essere a loro volta promotori dell’Abruzzo. In questo colloquio diretto si crea un tessuto di passaparola che dà origine a contenuti online ma soprattutto a momenti offline di aggregazione.
Tra sessioni tecniche e notturne di fotografia, Let’s Blog Abruzzo è nato proprio all’insegna della buona tavola, che resta un elemento importante di attrattiva per questa regione. Tra l’inglese, l’italiano e qualche parola in dialetto abruzzese, a farla da padrone sono stati gli arrosticini abruzzesi di castrato, cotti in modo egregio e salati a puntino, e il buon vino di Cantina Tollo, dal rosato Hedos Cerasuolo d’Abruzzo al Montepulciano d’Abruzzo Cagiòlo, assaggiando anche il biologico Montepulciano d’Abruzzo. Il workshop ha messo in condizione i partecipanti di vivere in prima persona il territorio abruzzese, per raccontare in modo autentico un’esperienza: un’iniziativa che non sarà vanificata ma che piuttosto troverà il suo seguito nella rete di contatti e nel volume turistico che l’interesse di questi ambasciatori può generare.